Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate,

rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.

Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso,

accetti il servizio e gli stessi cookie. Per maggiori informazioni consultare l'informativa sulla privacy.

 
Vuoi ricevere le newsletter ? Registrati !
Home    REGIONE
Patto per il Sud, delibera bocciata dall'Ars
1496 utenti hanno letto questa pubblicazione |    Reporter: Redazione Interna    |   28/01/2016

La commissione Bilancio dell’Assemblea regionale siciliana ha bocciato la delibera del governo regionale che approvava gli interventi trasmessi dal Consiglio dei ministri in merito al Patto per il Sud. La commissione, presieduta da Vincenzo Vinciullo ha approvato una risoluzione con la quale si impegna il governo a ritirare la delibera del 29 dicembre ed emanarne una nuova che -si legge nel documento- "proceda all’individuazione di nuovi interventi distribuiti equamente su tutto il territorio regionale". Sotto accusa l’esclusione di alcune aree dell’Isola. La dotazione finanziaria del Patto per la Sicilia è di 2 miliardi e 512 milioni e il disegno degli assessori che hanno ripartito le dotazioni (Territorio e Ambiente, Turismo, Beni Culturali, Welfare, Infrastrutture) interessa principalmente i territori di Trapani, Messina e Palermo. Una ripartizione che l’assessore all’Economia Alessandro Baccei, davanti ai deputati, avrebbe detto di non conoscere, rimettendosi alla loro decisione. Sono stati poi inseriti i comuni di Gela e Termini Imerese, ma il contenuto risulta al momento in una tabella non finanziabile. "Occorre rivedere la distribuzione dei fondi del Patto per la Sicilia, vi sono doppioni, perfino finanziamenti dove non è indicata nemmeno la città nella quale dovrebbero essere realizzate le opere, ma solo il nome della strada", afferma il presidente della commissione bilancio dell’Ars Vincenzo Vinciullo. "Chiediamo al governo di fermarsi e riflettere: dovrebbero avere la precedenza i progetti esecutivi rispetto a quelli che sono solo sulla carta e senza un analisi di fatibilità, senza la quale non possono ritenersi finanziabili - ha aggiunto - Non vogliamo fare alcuna polemica nè pressione, ma richiamare il governo al rispetto di alcune regole, troppa confusione nel documento e questo non si addice ad una regione moderna e che vuole confrontarsi in maniera certa con il governo nazionale". "Lo statuto, ad esempio - aggiunge Vincullo - prevede che la programmazione passi dalla commissione Bilancio e questo non è avvenuto. Baccei non ha espresso parere sulla risoluzione e dice di non avere partecipato alla spartizione dei fondi, rimettendosi alla nostra decisione". 
Ecco le voci più importanti che si evincono dall’allegato alla delibera che ora dovrà essere ripresentata dal governo Crocetta: 473 milioni 229 mila euro sono i finanziamenti complessivi nel capitolo Ambiente e Territorio, 833 milioni 239 mila alle Infrastrutture, 240 milioni solo per il dissesto, 170 milioni allo sviluppo economico e produttivo, 104 milioni all’area di crisi di Termini Imerese, 605 milioni per la viabilità, 40 milioni per Welfare e legalità e solo l’8% dell’intero finanziamento 170 milioni va agli investimenti e allo sviluppo economico. La maggior parte delle opere del cosiddetto 'Patto per la Sicilià riguarda il dissesto ambientale e idrogeologico, con interventi per il consolidamento e la messa insicurezza del Messinese. Ben 150 milioni per l’apertura di un cantiere nel 2017 per la messa in sicurezza idrogeologica della città di Messina e di Agrigento, ma per Messina ci sono 44 milioni per la sistemazione idraulica dell’area metropolitana, 12 milioni per Giampilieri e 7,8 milioni per sanare il dissesto idrogeologico tra Messina e Saponara. Compaiono anche voci generiche come 156 milioni per "opere di difesa della Costa siciliana" oppure 50 milioni di euro per "opere di bonifica dall’amianto sul territorio". Voci queste ultime sospette per i commissari che hanno bocciato al delibera della giunta, chiedendo che i progetti finanziati siano già passati da uno studio di fattibilità, siano indicati nel dettaglio e già cantierabili. Lo stanziamento più alto riguarda il settore Infrastrutture e interessa l’itinerario Ragusa-Catania per un opera già aggiudicata che attende l’apertura del cantiere nel 2016. Ci sono anche 289 milioni per l’asse autostradale Siracusa-Gela e 121 milioni per la Nord Sud Camastra-Gela. Diversi anche gli stanziamenti sempre al capitolo Infrastrutture, per creare presidi territoriali nelle isole minori a Lampedusa e Linosa,, Ustica, Pantelleria, Egadi, Eolie. Per il porto turistico di Santo Stefano di Camastra con progetto già cantierabile 63 milioni e 500 mila euro, mentre 67 milioni sono per il porto di Gela. Alla voce Infrastrutture sono circa 894 milioni finanziabili per progetti non indicati. Nel capitolo Welfare e legalità oltre 60 milioni vanno in favore delle sedi degli organi giudiziari e del comando dei Carabinieri. Alla voce Attività produttive, 120 milioni per il credito di imposta già dal 2016 e 102 milioni per il fondo di garanzia regionale, 90 milioni per la cantieristica navale. Alla voce turismo e cultura il finanziamento più importante è quello sull'offerta sportiva: 50 milioni. Soldi ai musei di Ragusa, Messina e al parco Archeologico delle Eolie. Tagliati i 4 centri 'evolutì per l’accoglienza e l’integrazione dei migranti. Poco interessato il Siracusano, con l’impianto di compostaggio da 20 milioni a Noto. Escluse Enna e Caltanissetta. 

Reporter: Redazione Interna
a cura della Redazione Centrale


Primo piano

Nuova soddisfazione per il “reuccio dello show” che ha ottenuto alla playa di Catania, presso il palaghiaccio di Catania l’ennesimo riconoscimento davanti al suo amato pubblico che continua a sostenerlo nelle varie tappe del tour siciliano.  E l’anchorman siciliano ha dedicato agli spettatori presenti il suo premio. “Siamo ormai pronti a festeggiare la centesima serata  di questa s ...continua

Riscontri davvero positivi nei 3 giorni della finale al festival nazionale di Saint-Vincent per l’anchorman siciliano Nuccio Scibilia, condottiero della Osa Production del Sud Italia. Il reuccio dello show si è detto soddisfatto dei risultati ottenuti durante le varie tappe nella Sicilia orientale, dal gruppo facente capo all’agenzia Z/6 diretta da Nancy La Greca.  “Un ottimo inizio anc ...continua

A seguito dei successi conseguiti nelle diverse province della Sicilia attraverso il tour regionale delle preselection artistiche che preziosamente affluiscono i trionfatori del podio alla tradizionale “Passerella canora dei Tre mari di Sicilia”, il noto showman siciliano Nuccio Scibilia, già proclamato “Reuccio dello show” per la pluripremiazione conseguita al timone della Osa Production  ...continua

Il trio Greacemary Chisari, Alessandro Giuffrida e Graziella Liotta ha vinto la 6° tappa Finalissima provinciale della “Preselection artistica Osa Production catanese” condotta dal frizzante showman Nuccio Scibilia “reuccio dello show” e svoltasi presso il ritrovo “Red lounge” del palaghiaccio della Playa di Catania. L’evento rientrava nel tour artistico “Passerella canora dei tre mari di Si ...continua

"Dopo il no di Grillo alle Olimpiadi, chiedo a Crocetta la candidatura di tutta la Sicilia. Il tempo c'è. Bastano un governatore serio, dei sindaci capaci e un'interlocuzione costante e qualificata col governo nazionale. Del resto, a Trapani portammo la coppa America e ci prendevano per pazzi.  Solo che la nostra poi si è rivelata una sana e lucida follia ed è cambiata una città; quella di ...continua

Situazione Sanitaria in Sicilia, 'lettera aperta' del capogruppo del PDR- Sicilia Futura all' Assemblea regionale siciliana, on. Giuseppe Picciolo al premier italiano:    'Presidente Renzi, affido queste poche righe al mio presidente onorario on. Totò Cardinale, che si è reso disponibile a fartele avere di persona, per tentare di spiegare quanto potrebbe accadere in Sicilia nei prossi ...continua

Appena un mese e mezzo fa, il 19 luglio scorso, gli agenti del Commissariato di P.S. di Patti avevano arrestato COPPOLINA Tindaro al termine di indagini serrate, intercettazioni ed appostamenti culminati nell’intervento dei poliziotti durante il pagamento dell’ennesima rata del pizzo imposto ad un esercente commerciale di Patti, sotto estorsione da quasi un anno, costretto a versare una somma com ...continua

Sono passati 14 mesi dall’insediamento e l’Amministrazione raggiunge un altro degli obiettivi strategici del programma di governo che ha proposto ai cittadini di Barcellona Pozzo di Gotto nel corso della campagna elettorale: l’approvazione del piano particolareggiato del Centro Intermodale Merci (C.I.M.), peraltro cavallo di battaglia di tutti i competitor di quella campagna elettorale. Deside ...continua

Presentato  il cartellone degli spettacoli teatrali in programma nella stagione invernale 2016-2017 al teatro Trifiletti.  Alla conferenza sono intervenuti il sindaco Giovanni Formica e gli assessori Piera Trimboli e Salvo Presti. Presenti anche il rappresentante dell’associazione culturale ABC, organizzatrice della rassegna, Carlo Auteri ed i referenti delle compagnie teatrali cittadin ...continua

Il dipartimento Mobilità Urbana e Viabilità ha disposto alcuni provvedimenti viabili in occasione dell'incontro di calcio Messina - Virtus Francavilla che si disputerà alle ore 20.30 di domenica 11, allo stadio “Franco Scoglio”, per regolare la circolazione nelle strade limitrofe all'impianto, al fine di facilitare l'accesso degli spettatori ed il deflusso a fine partita. Con validità nella fasci ...continua

La Nuova Provincia, supplemento online dell'edizione cartacea, registrazione tribunale di Barcellona 20/95
Keywords: